Gnocchi di grano arso con broccoli e nocciole

FullSizeRender

Ingredienti per 6 persone circa:
PER GLI GNOCCHI
500g di patate già bollite( possibilmente la varietà a buccia rossa);
75g di farina “00”;
75g di farina di grano arso;
1 uovo ;
Sale e pepe q.b

PER LA SALSA
1 cima di broccolo;
1 spicchio d’aglio;
1 filetto di acciuga sott’olio;
Sale e pepe q.b
100 G di nocciole tostate

Bollire le patate in abbondante acqua, stando attenti a non romperle durante la cottura.
La buona riuscita degli gnocchi dipende sopratutto da questo, perché le patate non devono assorbire molta acqua durante la cottura, ecco perché è preferibile utilizzare la varietà a buccia rossa, oppure sono ottime in questo caso le patate vecchie, che hanno già perso una parte di acqua al loro interno.
Una volta cotte(controllare la cottura infilando uno spiedino), scolare le patate, e pelarle; schiacciarle con uno schiacciapate, e impastare con le due farine, l’uovo, sale e pepe.
Ottenere un composto omogeneo e privo di grumi e suddividere l’impasto in filoni di circa 2 cm, e tagliare gli gnocchi della grandezza desiderata.
Gli gnocchi possono essere congelati, e cotti direttamente , senza farli scongelare.
Nel frattempo in abbondante acqua salata con l’aggiunta di un pizzico di bicarbonato(manterrà i broccoli di un verde brillante), sbollentate i broccoli precedentemente mondati e lavati.
Lasciate i vostri broccoli croccanti e scolateli in una padella dove avete fatto rosolare con un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e il filetto di acciuga.
Cuocere gli gnocchi nell’acqua di cottura dei broccoli, saranno pronti quando saliranno a galla; scolateli e saltateli con i broccoli, mantecando con un filo d’olio è una macinata di pepe fresco.
Completate il vostro piatto con le nocciole tostate leggermente tritate.
Se non impazzite per gli gnocchi potreste sostituirli con delle orecchiette al grano arso o perchè no…un risotto!
Il costo complessivo del piatto per sei persone è di 2 euro circa… Bon appetit!

A proposito di broccoli

image

Bentornati nel nostro blog!
I vari impegni natalizi mi hanno tenuto lontano dalla tastiera, vi chiedo scusa e mi impegnerò a scrivere più spesso!
L’idea è quella di proporvi una rubrica mensile in cui confrontarci su un ingrediente, e darvi qualche consiglio su come esaltarlo al meglio: seguiremo chiaramente la stagionalità dei prodotti, perché comprare i cetrioli a novembre sappiamo tutti che non è proprio il massimo.
Per il mese di Gennaio vi propongo un ingrediente snobbato e amato allo stesso tempo: i broccoli.

I broccoli fanno parte della famiglia delle crocifere, stessa famiglia di cavoli, della verza, e delle nostre amate cime di rapa.
Alcuni non sopportano l’odore di zolfo che infesta la casa quando cuociono i broccoli… a tutto c’è una soluzione!
Qualche goccia di succo di limone nell’acqua di cottura eviterà questo piccolo inconveniente.
Chi pensa poi, che la parte commestibile del broccolo sia solo la cima, sbaglia.
Il fusto può essere utilizzato, eliminando la parte esterna più legnosa e tenace, ed è molto utile per la preparazione di una crema, ad esempio, o può tornare utile per dei flan o tortini.
In questo modo avremo meno sprechi, e il vostro portafoglio vi ringrazierà.
Cuocete poco i vostri broccoli, in acqua bollente con un pizzico di bicarbonato (così manterranno un colore verde brillante) e raffreddateli in acqua e ghiaccio per bloccarne la cottura e lasciarli croccanti.
I broccoli si abbinano benissimo sia alla carne che al pesce, possono essere utilizzati sia per un primo che per un secondo, o perché no, anche per un antipasto.
Un primo semplicissimo e di effetto può essere creato abbinando ai broccoli leggermente sbollentati, delle nocciole salate (preparate saltando le nocciole in una padella antiaderente con un bianco d’uovo leggermente sbattuto, salate e infornate a 180 gradi per 5 min).
Potreste abbinarci anche una pasta integrale o di kamut, per quelli più attenti alle calorie. 🙂
Con la crema di broccoli potete preparare dei gustosissimi flan, o utilizzarla per mantecare un risotto con le vongole, o con le cozze, o ancora per accompagnare un antipasto di carne come un roast beef ad esempio.
Le cime leggermente sbollentate sono perfette per completare un antipasto con il salmone affumicato e la rucola, o con dei gamberi scottati in padella con semi di sesamo e curry.
Splendido l’abbinamento con il basilico; per i più golosi una ricetta classica old style è sicuramente la terrina di broccoli gratinati con besciamella e parmigiano.
Infine vi consiglio di provarli in una carbonara di mare…
Spero di avervi dato qualche dritta!

Bon appetit! 😉